Cataforesi

Cataforesi e verniciatura a polveri: una protezione tecnologicamente sicura

OMAD: I PRIMI NELLA CATAFORESI

La cataforesi è una tecnica avanzata in grado di conferire alla ferramenta una resistenza alla corrosione mai raggiunta. L’esperienza Omad deriva dall’essere stata la prima azienda del settore ad introdurla nel proprio ciclo di lavorazione. La cataforesi si avvale delle stesse tecnologie impiegate nel settore degli elettrodomestici e dell’automobile ed è caratterizzata dal deposito uniforme di una resina epossidica. Un materiale che, aderendo ai prodotti trattati come un vero e proprio legame chimico, assicura a lungo una straordinaria protezione nei confronti di tutti gli agenti atmosferici e di qualunque altro tipo di attacco. Permette inoltre una migliore adesione alla verniciatura a polveri poliestere, particolarmente stabili ai raggi UV.

ECCELLENTE RESISTENZA CHIMICO-FISICA

L’elettrodeposizione è un trattamento di verniciatura che consente di impartire al manufatto metallico un’elevata resistenza agli agenti atmosferici, in particolare modo in caso di esposizione in ambienti resi aggressivi dalla presenza consistente di umidità, calore e sali; il sistema di elettrodeposizione di tipo catodico permette di raggiungere valori di resistenza chimica superiori del 50% rispetto al tradizionale sistema anodico; anche le proprietà meccaniche del film protettivo risultano notevolmente migliorate.

SPESSORI DI RIVESTIMENTO ECCEZIONALMENTE UNIFORMI

L’elettrodeposizione con sistema di tipo catodico, quale è il trattamento di verniciatura in cataforesi, è un processo che consente realmente di ottenere spessori di rivestimento particolarmente omogenei, anche in zone di difficile accesso di applicazione, come pieghe del manufatto, scanalature, superfici concave complesse, filettature e zigrinature.

L’ECOLOGIA DI UN SISTEMA CHIUSO

Nel processo di verniciatura il prodotto cataforetico è idrodisperso (la vernice è sciolta in acqua anzichè in solventi chimici): il processo è quindi caratterizzato da un bassissimo impatto ambientale; l’esausto di solvente, inoltre, è un rifiuto tossico e nocivo, mentre nella cataforesi non esiste esausto, in quanto la vernice in eccesso viene messa nuovamente in circolo e riutilizzata, invece di essere inviata necessariamente alla fase di depurazione, con gli evidenti vantaggi di evitare la dispersione di prodotti inquinanti.

Richiedi subito informazioni sui nostri prodotti e servizi in questa pagina.